nizzolo

Splendido successo ieri nella seconda tappa della Parigi-Nizza per Giacomo Nizzolo. Il ciclista italiano ha beffato Sagan e Ackermann in volata, andandosi a prendere un fantastico successo, il suo 23° in carriera.

Sono davvero molto felice perché è arrivata al termine di una corsa impegnativa. La pioggia che non ci aspettavamo è stata un’ulteriore botta al morale. Il successo lo dedico a tutte le persone che mi sono state vicine, e non era facile, nelle ultime due-tre stagioni piene di guai. Il ginocchio destro mi ha tirato matto, ma ora tutto è risolto. Ora la grande soddisfazione è vedere che se non ho problemi di salute sono davanti, con i migliori. Poi la dedica va all’Italia, perché dobbiamo essere forti“, ha dichiarato alla ‘rosea’.

Non poteva mancare un commento sulla situazione Coronavirus che sta minacciando il mond intero, in particolar modo la nostra Italia:è un momento particolare, difficile. Ma le regole sono giuste e vanno rispettate. Se tutti andiamo dalla stessa parte vinciamo, però ci deve essere consapevolezza del problema che è molto grande. Io vivo in Svizzera, vicino a Mendrisio, ma ho la famiglia in Lombardia. La preoccupazione è molto grande, specie per mia madre che un paio d’anni fa ha dovuto combattere con un tumore“.