Stephen Curry
Foto Getty / Gregory Shamus

Il Coronavirus inizia a mettere paura anche negli Stati Uniti. Dopo i primi casi di contagio e le prime morti accertate, anche negli USA la situazione legata al COVID-19 inizia a diventare argomento di discussione e fonte di angoscia nella società. Sport compreso. Nelle ultime ore si sono diffuse alcune notizie riguardanti la possibile positività di Stephen Curry al Coronavirus.

I Golden State Warriors sono stati costretti a rilasciare un comunicato nel quale viene motivata l’assenza di Curry contro i Sixers per una normale influenza: “questa mattina a Stephen Curry è stata diagnosticata un’influenza A dopo un test medico. Abbiamo identificato la possibile fonte di contagio che non fa parte della sfera legata al basket. Non mostra fattori di rischio legati al COVID-19. Ha un’influenza stagionale. Abbiamo iniziato il trattamento per Stephen e messo in pratica il protocollo del team per l’esposizione all’influenza“.