Stephen Curry
Foto Getty / Gregory Shamus

Il Coronavirus è diventato adesso una minaccia anche per lo sport americano. Arriva dall’NBA infatti un’importantissima comunicazione: a causa dell’aumento di casi positivi nella zona di San Francisco, sono state vietati in città manifestazioni ed eventi con più di 1000 persone.

Questa decisione incide dunque sulla sfida tra Golden State Warriors e Brooklyn Nets in programma per domani notte: la partita sarà la prima della regular season di NBA a giocarsi a porte chiuse.

Monitoreremo con attenzione la situazione, per decidere passo dopo passo come muoverci: vi ringraziamo per la pazienza e la compresione in questi tempi difficili e senza precedenti“, fa sapere la squadra di casa.

Intanto al Chase Center sono stati cancellati tutti gli eventi fino al 21 marzo. In serata è atteso il comunicato NBA con le linee guida.