Mirco Lazzari gp/Getty Images

L’emergenza Coronavirus ha obbligato la MotoGp a rinviare l’inizio del Mondiale 2020, slittando o cancellando i primi Gran Premi dell’anno.

Mirco Lazzari gp/Getty Images

Una decisione obbligata che potrebbe aiutare Johann Zarco, come ammesso da lui stesso ai microfoni di Canal +: “è un periodo strano, ma mi dico che può andare a mio vantaggio. Ho già vissuto l’esperienza di stare senza guidare o di dover conoscere una moto e adattarmi velocemente, è successo lo scorso anno quando sono salito sulla Honda in Australia. Ho firmato con la Ducati, non ho fatto i test a novembre e questo ha fatto sì che avessi una pausa di quasi tre mesi prima di andare in Malesia. Anche lì nessun risultato eclatante il primo giorno, ma le cose sono migliorate in Qatar“.

Mirco Lazzari gp/Getty Images

Zarco ha continuato nella sua analisi: “questo mi dà fiducia. Mi dico che se l’interruzione è lunga, forse mi perderò meno degli altri. Posso solo sperare che questo possa andare a mio vantaggio, che le cose si sistemino più rapidamente degli altri e non appena riprenderemo le gare potrò migliorare visibilmente. Quindi spero sempre di andare in quella direzione. Ho piena fiducia in Ducati, sono già felice di aver fatto il loro conoscenza e guidato la moto. Il team può darmi tempo, non si affretteranno a nulla. Attualmente non sto discutendo del 2021 con nessuno. L’ideale sarebbe restare con la Ducati, se posso far bene bene con loro, ma non dovremmo nemmeno chiudere le porte ad altre possibilità. Ora però non è il momento, ci troviamo più in una situazione di sopravvivenza che a negoziare un contratto“.