Gianni Moscon

Gestaccio di Gianni Moscon alla Kuurne-Bruxelles-Kuurne: il ciclista italiano del team Ineos è stato squalificato, per la quinta volta in carriera, per aver scaraventato una bicicletta addosso ad un suo collega dopo una caduta.

Dopo l’accaduto, Debusschere, ‘vittima’ del gestaccio di Moscon, ha così commentato l’episodio: “sanguinavo molto durante la gara, ma non vedevo quanto fosse profonda la ferita. Ora sembra a posto e tra due giorni sarà già passato. Io non sono caduto, ma sono finito nel fossato e stavo provando a risalire, quando mi è stata lanciata una bici sul capo. Ho dovuto alzare la mano per evitare di prenderla in faccia. In quel momento l’avrei preso a pugni, poi ho capito che la cosa migliore era tornare in bici. Sei deluso, ma l’istinto è quello di rimontare in sella. Poi ormai sono una serie di incidenti causati sempre dalla stessa persona: non si tratta solo di questo incidente“, le parole a Cyclingnews.