Stephen Curry
Foto Getty / Gregory Shamus

Sono ore di grande angoscia per lo sport americano. Dopo i recenti casi di contagio da Coronavirus di Gobert e Mitchell, l’NBA ha deciso di sospendere il campionato di basket. Una decisione storica per la lega, ma anche l’unica misura necessaria per far fronte a tale emergenza. Stephen Curry, che qualche giorno fa aveva effettuato il tampone, risultando negativo, ha lanciato un messaggio ai fan NBA: “questa situazione non si può paragonare a niente… Bisogna solo rimboccarsi le maniche e prendersi cura di se stessi e dei propri cari. La pallacanestro prima o poi tornerà, ma ora come ora pensate a proteggervi e a rimanere al sicuro!”.