Mager
Buda Mendes/Getty Images

Gianluca Mager sta vivendo il suo personalissimo sogno. All’interno del grande momento che vive ormai da tempo il tennis italiano, anche Mager è riuscito a ritagliarsi il suo spazio. Tutto è nato a Rio de Janeiro, dove ha sconfitto Thiem ed è approdato sino alla finale del torneo brasiliano. Adesso Gianluca vivrà una nuova avventura, vale a dire quella con la maglia della Nazionale italiana in Coppa Davis contro la Corea del Sud.

Se qualcuno me lo avesse detto solo dieci giorni fa, che sarei arrivato in finale nell’Atp 500 di Rio de Janeiro, non ci avrei mai creduto. Se poi mi avessero detto che sarei diventato numero 77 al mondo saltando di un botto 51 posizioni del ranking avrei pensato che mi stavano prendendo in giro. Giocare in Davis è un sogno che ho da quando ero bambino.

Forse dal primo giorno in cui, ragazzino, ho preso in mano una racchetta da tennis. Io nella squadra di Davis: continuo a ripetermelo ma non riesco a credere che sia proprio così. Quando ho risposto al telefono e ho capito che dall’altra parte c’era Barazzutti quasi non riuscivo a parlare. Prima si è complimentato con me per aver raggiunto la finale, poi mi ha detto della convocazione nel team italiano. Quella trascorsa è stata la settimana più bella della mia vita. E il sogno continua“, le parole di Mager ad “Il Secolo XIX”. Gianluca adesso è pronto a scrivere nuove pagine della sua storia.