federer
Gallo Images - foto Getty

Roger Federer sta tentando di costruire la sua nuova abitazione a Rapperswil-Jona, sulle rive del Lago di Zurigo, in Svizzera. Sinora però ha riscontrato qualche ostacolo, rappresentato sopratutto da un’organizzazione ambientalista dal nome Aqua Viva, che sta chiedendo lumi in merito ad alcune pratiche messe in atto per la costruzione della villa del tennista. Hanspeter Steinmetz, manager di Aqua Viva, ha parlato nei giorni scorsi di quanto sta accadendo, ecco le parole riportate da TennisWorld:

I documenti erano incompleti e poco chiari. Una bonifica dei siti contaminati nella zona della riva del Lago deve essere portata avanti con attenzione. Per esempio, bisogna essere sicuri al 100% che nessuna zona contaminata finisca nell’acqua. Dal momento che vi sono ancora molte domande aperte, abbiamo quindi deciso di sollevare un’opposizione. Trattandosi di un’organizzazione a livello nazionale, Aqua Viva può sollevare un’opposizione in qualsiasi luogo in Svizzera. Ma non abusiamo di questo diritto della società. E’ uno strumento molto importante della democrazia svizzera ed è fondamentale che noi, organizzazione indipendente, possiamo apportare il nostro contributo grazie alla nostra esperienza. Vi posso assicurare una cosa: ci preoccupiamo unicamente del problema in questione. Avremmo applicato questo nostro diritto a qualsiasi altra persona. Non ha niente a che vedere con Roger Federer”. Dunque dopo i problemi con Greta Thunberg e Credit Suisse, anche gli ambientalisti si muovono per chiedere giustizia in merito alla nuova casa di Federer.