Gp Australia
Robert Cianflone/Getty Images

La positività al Coronavirus di un membro della McLaren ha spinto il team di Woking a ritirarsi dal Gran Premio d’Australia, spingendo gli organizzatori a valutare l’annullamento insieme ai vertici del circus.

Gp Australia
Robert Cianflone/Getty Images

La gara è appesa ad un filo, come sottolineato da Andrew Westacott, CEO dell’ente che organizza la gara (AGPC): “l’organizzazione del GP è stata avvisata dei risultati dei test effettuati su otto persone facenti parte del paddock della F1, sette hanno dato risultato negativo, confermando che queste persone non hanno contratto il virus Covid-19. Un ottavo test ha dato risultato positivo. È stato confermato il fatto che si tratta di un membro della scuderia McLaren. Come conseguenza di questo la McLaren si è ritirata dal Gran Premio. L’AGPC è attualmente impegnata in discussioni con la Formula 1, la FIA ed il Dipartimento della salute e dei Servizi Umani in relazione alle implicazioni più ampie del risultato di questo test. Un nono individuo è stato oggetto di valutazione e test per il virus Covid-19, con i risultati di questo test in sospeso. Questo individuo non è associato ad alcun team di F1, FIA o fornitori associati. L’AGPC fornirà gli aggiornamenti non appena saranno disponibili ulteriori dettagli”.