Clive Mason/Getty Images

L’emergenza Coronavirus tiene in ansia la Formula 1, che al momento ha deciso di cancellare solo il Gran Premio di Shanghai.

Melbourne
Mark Thompson/Getty Images

Sul tavolo dunque c’è soprattutto la gara in Australia, la prima in calendario, da svolgersi al termine della prossima settimana. Sulla questione è intervenuto Ross Brawn, che ha provato a fare chiarezza ai microfoni della Reuters: “se a un team viene impedito di entrare in un paese, noi non possiamo effettuare la gara. Non è una gara di F1. Comunque sarebbe ingiusto. Ovviamente se una squadra sceglie di non andare alla gara, allora è una propria decisione. Ma se un team non può andare a causa di una decisione del paese, allora è difficile avere una concorrenza leale. Ci troviamo in una situazione molto seria, quindi non vogliamo sottovalutarla. Stiamo cercando di svolgere delle gare, ma dobbiamo farlo in modo responsabile. Stiamo riducendo al minimo il numero di persone nel paddock, infatti stiamo chiedendo ai team di mandare un numero minimo di personale ai fine settimana di gara“.