Binotto e Wolff
Clive Mason/Getty Images

La diatriba tra Mercedes e Ferrari sembra essere già terminata, con buona pace dei team che si erano accodati alla scuderia di Brackley dopo il patto segreto tra il Cavallino e la FIA.

Elkann
Mark Thompson/Getty Images

Secondo quanto riferito da ‘F1-insider.com’, pare sia bastata una telefonata tra John Elkann e il numero uno del gruppo Daimler, Ola Kallenius, per far sì che la squadra campione del mondo mettesse da parte i propri dissapori. Una scelta che ha di fatto spiazzato la Red Bull, trovatasi adesso da sola a guidare il plotone anti-Ferrari, che potrebbe sfaldarsi ancora di più nel caso in cui Racing Point e Williams seguissero la Mercedes. Una mossa strategica quella di Elkann, intervenuto per rinsaldare quel legame tra i big team divenuto solido ai tempi di Sergio Marchionne.