Wuhan Zall
Lintao Zhang/Getty Images

Il termine paradosso non potrebbe essere più azzeccato, ma considerando il momento storico che vive l’intero pianeta forse appare un tantino esagerato. Però non può passare inosservata la scelta del Wuhan Zall, squadra della città da cui è partita la pandemia di Coronavirus, che ha deciso di far rientro in Cina per evitare il contagio.

Wuhan Zall
Lintao Zhang/Getty Images

Tutti i giocatori del club asiatico si trovano da fine gennaio in Spagna, dove si erano recati in ritiro per preparare la nuova stagione. Lo scoppio dell’epidemia nel proprio Paese li aveva spinti a rimanere in Europa, evitando così il pericolo contagio. Adesso però che il COVID-19 è arrivato anche a Madrid, la squadra ha deciso di rientrare in Cina, dove la situazione è notevolmente migliorata. A rivelarlo a Efe è l’allenatore del Wuhan Zall, José González: “il problema ora è qui, in Cina è praticamente risolto”. Meglio fare in fretta in attesa della cancellazione dei voli, che potrebbe costringere la squadra a dover fare i conti con il virus lontano da casa.