Gabriele Gravina
Foto Getty / Paolo Bruno

L’emergenza Coronavirus non sembra voler diminuire il proprio impatto sull’Italia e anche il mondo dello sport non può far altro che aspettare. Ancora non è stata fissata una possibile data per la ripresa della Serie A che continua a slittare. L’ipotesi dichiarata dal presidente della FIGC Gabriele Gravina a Radio Cusano Tv Italia è quella di tornare in campo per concludere la stagione entro l’estate, ma senza mettere a rischio il 2021: “la priorità è terminare i campionati entro l’estate, senza compromettere la stagione 2020-21. Non possiamo permetterci un’estate piena di contenziosi sul profilo procedurale e legale. Il ministro Spadafora ha dichiarato che proporrà il blocco delle attività sportive fino alla fine di aprile compresi gli allenamenti, aspetterei la decisione del Consiglio dei ministri. Certo, è un messaggio che richiede alcune riflessioni. I nostri campionati sicuramente non riprenderanno prima di maggio, questo era uno scenario che avevamo già ipotizzato. Sia la Uefa sia la Fifa si stanno impegnando per far sì che si possa sforare la dead line del 30 giugno fino ad arrivare ad agosto. Questo ci fa piacere, ma dobbiamo anche fare in modo di non andare a compromettere il campionato della stagione 2020-21“.