Gabriele Gravina
Foto Getty / Paolo Bruno

In attesa di conoscere l’esito della riunione UEFA che deciderà le sorti dell’Europeo 2020, Gabriele Gravina pensa alle possibili soluzioni per la ripresa del campionato di Serie A fermo, come tutti gli altri sport, a causa dell’emergenza Coronavirus.

Il presidente della Federcalcio, intervistato su ‘Radio Anch’io Sport’, ha aperto alla possibilità di un campionato da concludere in due anni: “in questo momento nulla si può escludere. Lavoriamo su auspici, speranze. Tutti vorremmo chiudere il campionato entro l’estate, ma od oggi è difficile fare previsioni. Vogliamo programmare con l’idea più ottimistica possibile, ovvero portare a termine i vari tornei. Non escludo nulla: dalla non assegnazione del titolo, all’assegnazione con il congelamento delle classifiche. Oppure con un mini-torneo con playoff e playout. Possibile anche un effetto ‘trascinamento’ del campionato attuale sul ’20-’21, con un bilancio su due stagioni diverse“.