Papa Francesco
Foto Getty / Tomohiro Ohsumi

In un momento di grande emergenza dovuto al propagarsi del Coronavirus, anche la Chiesa ha dovuto prendere le adeguate contromisure per far evitare il propagarsi dei contagi. Papa Francesco ha iniziato a celebrare le proprie funzioni ecclesiastiche in streaming e, inevitabilmente, anche nei suoi discorsi ha fatto capolino il Covid-19.

Come si legge su ‘Meteoweb‘, il pontefice ha rivelato un episodio riprovevole legato ai tempi difficili dell’epidemia: “lo spirito mondano ci porta verso la vanità, l’apparenza. Entrambe finiscono nella violenza, nei gesti di violenza. Lo sdegno è una tentazione brutta, porta alla violenza. Alcuni giorni fa sul telefonino mi hanno fatto vedere un filmato con una persona in quarantena. Una guardia gli ha detto che non poteva uscire e lui lo ha preso a pugni. Lo sdegno è l’atteggiamento dei superbi con una brutta povertà di spirito. Vivono con l’illusione di essere di più di ciò che sono. Anzi, tante volte la gente ha bisogno di sdegnarsi per sentirsi persone. Anche a noi può succedere. Lo sdegno porta alla violenza fisica e a quella delle chiacchiere“.