Mihajlovic
Paolo Bruno/Getty Images

Il Coronavirus sta costringendo, da diversi giorni, milioni di italiani a stare chiusi in casa al fine di evitare il propagarsi dei contagi. Questa condizione pesa sulla vita di molti che, fra noia e voglia di attività all’aria aperta, soffrono nel vedere un freno alla propria libertà.

mihajlovic
Paolo Bruno/Getty Images

Problema che però non sfiora minimamente Sinisa Mihajlovic. L’allenatore del Bologna, dopo aver sconfitto la leucemia, è un soggetto a rischio, ma dopo aver affrontato situazioni ben più gravi come la guerra in Serbia, il Coronavirus non lo spaventa. Intervistato dalla ‘Rosea’, Mihajlovic ha dichiarato: “la vita in casa per me è piacevole. Ma secondo te, dopo aver vissuto due guerre, le bombe che potevano distruggerti la casa, i coprifuoco, sarà mai un problema stare a casa, sul divano, davanti alla tv, leggere un libro o andare in terrazzo a fumare? Dopo mesi in ospedale stare a casa con la mia famiglia intorno è un privilegio. Ormai dopo la malattia apprezzo ogni singolo momento della mia vita”.

Mihajlovic
Paolo Bruno/Getty Images

In merito alla ripresa del campionato Mihajlovic ha spiegato: “mi aspetto che il campionato finisca. Bisogna spostare gli Europei e far finire i tornei nazionali e le Coppe. Lo vogliono le federazioni, i club, le tv che hanno pagato i diritti. E’ giusto terminare ciò che si è cominciato. Dovremo valutare anche da quanto siamo fermi e dovranno darci un paio di settimane per riprendere il lavoro fisico prima di ripartire a giocare. Faremo meno vacanze, ci sarà qualche sacrificio in più, ma chissenefrega….

Per concludere, un ‘consiglio’ sul finale di campionato: “quando tutto sarà finito, consiglio di vivere il finale di stagione tutto d’un fiato con grande passione. Senza polemiche, scuse o alibi perché ci siamo fermati, chi ci ha guadagnato, chi ci ha perso, chi deve recuperare una partita, chi ha giocato a porte chiuse o aperte… Quello che stiamo passando ci serva da insegnamento. Soffriamo ora e quando torneremo alla normalità, quella normalità sarà bellissima. Godiamocela fino in fondo”.