Mancini
Vittorio Zunino Celotto/Getty Images

Il Coronavirus ha stravolto il regolare svolgimento dei campionati di tutta Europa e con essi anche il prosieguo della stagione calcistica. L’Europeo estivo infatti, rischia di saltare poichè non ci sarebbe il tempo di far conciliare la fine dei campionati nazionali con la data d’inizio di Euro 2020 in un’estate fitta di appuntamenti con tanto di Olimpiadi.

L’UEFA martedì comunicherà, probabilmente, il rinvio della manifestazione. Intervistato ai microfoni della Rai, Roberto Mancini, ct dell’Italia, ha spiegato: “martedì credo che sapremo meglio tutto, anche come andrà a finire questa stagione. Se rinvieranno l’Europeo, i campionati potranno finire tranquillamente. Quindi da martedì potremo affrontare quest’argomento. Per me va bene tutto, la cosa più importante è tutelare la saluta di tutti. Avremmo vinto quest’anno, vinceremo il prossimo. Siamo aperti a tutto, anche a giocare a novembre. Sono sicuro che quando ricominceremo sarà ancora tutto più bello, perché ritroveremo la libertà e sono convinto che anche noi riusciremo a fare molto di più. Queste situazioni ti fanno capire tante cose e diventare migliori, spero accada anche ora.

Bisognerà aspettare martedì per vedere cosa accadrà all’Uefa, se si deciderà quindi di rinviare l’Europeo o no. I problemi che abbiamo noi ora li avranno le altre nazioni prossimamente, quindi attualmente ci sono delle cose più importanti del calcio. Non ci aspettavamo tutto questo, in Italia ci siamo fermati prima degli altri e speriamo possa anche finire presto. Al momento c’è voglia di tornare alla vita normale, lo capisco, ma bisogna avere pazienza. Innanzitutto bisogna tutelare la salute di tutti gli italiani, quando inizierà a migliorare la situazione potremo pensare al campionato“.

In merito alle convocazioni, Mancini ha spiegato: “in questo momento è difficile parlarne, certamente c‘era una lista di calciatori abbastanza sicuri e qualche dubbio. Chiaramente, se l’Europeo dovesse slittare di un anno, potrebbe esserci qualche cambiamento in più. Tanti calciatori sono giovani, un anno in più tra Serie A e coppe internazionali potrebbe dar loro un po’ d’esperienza in più. Mancavano ancora dei mesi agli Europei e c’erano già dei dubbi, ce li saremmo portati fino al momento delle convocazioni. Se dovessero slittare, avremo un anno in più per pensarci. Zaniolo? Lo avremmo aspettato fino a maggio ma senza forzare niente, non sarebbe stato giusto“.