spadafora
Claudio Villa - foto Getty

Lo sport italiano è stato costretto a fermarsi a causa dell’emergenza Coronavirus. Anche la Serie A, dopo tanti tentativi, si è dovuta arrendere alla pandemia, sospendendo il campionato. Non è ancora chiaro quando le squadre di Serie A potranno tornare in campo a sfidarsi per portare a termine il campionato, sicuramente bisognerà attendere la fine di questo complicato periodo di emergenza.

Sull’argomento è intervenuto oggi il ministro dello sport a La Vita in Diretta: “in Italia molte federazioni avevano deciso in autonomia di fermarsi. Il calcio è un po’ un mondo a sé. C’è stato un momento in cui la Lega di serie A avrebbe dovuto assumere una responsabilità, ma non ha voluto assumerla dicendo che spettava al governo. I medici ci dicono che a fine mese o ai primi di aprile dovremmo vedere i primi risultati di queste azioni drastiche che stanno richiedendo un sacrificio da parte di tutti gli italiani. Se sarà così, come tutti ci auguriamo, e tra due o tre settimane cominceremo a vedere questi risultati, vuol dire che andremo verso una fase di miglioramento giorno dopo giorno. Questo significa che nelle settimane successive riusciremo tutti a riprendere una vita normale“, queste le parole di Spadafora ai microfoni Rai.