Ettore Messina
Ezra Shaw/Getty Images

L’Italia continua a fare i conti con il Coronavirus, così come il resto del mondo, che sta cominciando a conoscere giorno dopo giorno questo subdolo nemico.

Ettore Messina
Ronald Cortes/Getty Images

Sport fermo in quasi tutto il globo, dalla NBA fino al tennis e passando per il calcio, nessuno scenderà in campo finché la pandemia non sarà passata. Sulla delicata questione si è soffermato Ettore Messina, intervenuto alla trasmissione SportsCenter su Espn: “questa situazione di emergenza ci ha unito tutti,c’è un forte senso di appartenenza, voglia di stare assieme e di gratitudine, direi ammirazione per i medici, infermieri, per le persone che lavorano negli ospedali, perchè stanno fronteggiando una crisi seconda a nessun’altra. È un po’ come essere in guerra. Esiste un forte senso di emergenza che tutto il Paese sta cercando di vivere con coesione. Noi siamo in quarantena, ma abbiamo la fortuna di far parte di una organizzazione valida, nessuno è rimasto solo“.