Ettore Messina
Ezra Shaw/Getty Images

Negli Stati Uniti l’emergenza Coronavirus ha raggiunto proporzioni drammatiche. Nel giro di qualche settimana i contagi sono saliti fino a superare quota 164.000, facendo degli USA la nazione più colpita. Attualmente i morti sono 3000, ma i numeri continuano a crescere. Il governo Trump non è riuscito a prevenire l’emergenza, dimostrandosi impreparato e forse sottovalutando la reale pericolosità del virus come diversi altri governi nel mondo.

Trumo ha recentemente dichiarato che se negli USA dovessero esserci meno di 100.000 morti potrà essere considerato un successo. Dichiarazioni che hanno indignato gran parte dell’opinione pubblica che ha sottolineato come le vite umane non siano ‘semplici numeri. Coach Ettore Messina, intervistato dall’Ansa, ha puntato il dito contro Trump: “negli Stati Uniti non hanno ancora idea. Trump dice che sarà un successo se conterranno il numero dei decessi a meno di 100mila: la contabilità dei morti è un abominio, un insulto, una cosa spregevole“.