tommasi
Gabriele Maltinti - foto Getty

Il Coronavirus sta causando scompiglio nelle vite di tutti noi. Anche il mondo dello sport sta cercando di adattarsi al meglio all’emergenza sanitaria, ma spesso le posizioni non sono condivise tra Lega, Governo e calciatori. La giornata odierna si giocherà come da programma, questa la notizia dell’ultim’ora, con Parma e Spal che sono regolarmente in campo per disputare il primo incontro di questa domenica che proseguirà culminando col match tra Juventus ed Inter.

Per quanto concerne il futuro però, le incognite sono molteplici. Damiano Tommasi, presidente dell’Assocalciatori, hanno indetto lo sciopero per quanto concerne i calciatori. Una decisione forte, al di là delle decisioni della Lega. Come noto però, le posizioni variano in maniera vorticosa e le prossime ore saranno decisive in merito alle prossime gare della Serie A e non solo.

Assocalciatori, il comunicato ufficiale

L’AIC fa sapere in un comunicato che “nell’intento di tutelare il diritto fondamentale alla salute dei propri associati, anche al fine di garantire la loro incolumità potenzialmente lesa da un pericolo alla propria salute grave ed immediato proclama lo stato di agitazione e indice lo sciopero per le giornate del 08/03/2020 de del 09/03/2020, riservandosi la proclamazione di ogni ulteriore azione collettiva.

Come noto, il Paese si trova in una situazione di emergenza sanitaria a causa dell’esplosione epidemiologica del COVID-19 che, da ultimo, ha portato il Governo ad adottare nuove misure di contenimento dell’emergenza, valevoli dal 08/03 al 03/04 e che, nello specifico, prevedono il divieto di ingresso e di uscita dalla Lombardia e dalle Province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Asti e Alessandria.

Come noto, nella citata “zona di sicurezza” sono previste limitazioni strettissime, tra le quali a titolo esemplificativo e non esaustivo, spiccano la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, la sospensione degli eventi pubblici, la chiusura anche dei musei, palestre, piscine, teatri, centri sociali e culturali, il blocco dei concorsi pubblici ad esclusione di quelli per il personale sanitario, la sospensione delle cerimonie civili e religiose, comprese quelle funebri, nonché l’ingresso contingentato all’interno dei locali commerciali e delle attività di ristorazione. Si tratta, dunque, di misure che rispondono alla logica necessità di evitare assembramenti di persone e contatti tra le stesse a distanza inferiore di un metro al fine di contenere la diffusione del COVID-19. Tuttavia, si apprende che le restrizioni non riguardano gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, che vedono coinvolti i nostri associati, in quanto: “resta consentito lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento degli atleti agonisti, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico. In tutti tali casi, le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano. Non vi sono ad oggi e anche a causa del brevissimo tempo dall’emanazione delle varie normative, tuttavia, indicazioni circa le misure idonee che consentano il rispetto integrale del diritto alla salute dei lavoratori sportivi, in particolare considerando il carattere necessariamente nazionale del campionati professionistici e la necessità di trasferte organizzate per la celebrazione di ogni partita, e ciò determinandosi uno stato di assoluta incertezza sulla corretta modalità di esercizio dell’attività lavorativo-sportiva“.