alex marquez
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Serata di premiazioni ieri sera al Casino de Madrid durant eil Gala de Campeones organizzato dalla Real Federacion Motociclista Espanola.Tra i premiati, anche Alex Marquez, campione del mondo di Moto2 nel 2019, che ha parlato della sua nuova avventura nella categoria regina con Honda, e non solo.

alex marquez
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Sono molto felice per quello che ho ottenuto nel 2019, poiché è stato il modo migliore per chiudere in Moto2. Quest’anno affrontiamo una sfida entusiasmante, con un buone dinamiche e siamo arrivati ​​con buone sensazioni ai test di Sepang. Tutti i marchi hanno fatto un passo avanti. Sono abbastanza contento, sono stati tre giorni molto positivi. Ogni giorno abbiamo fatto un passo avanti, ma c’è ancora molto da imparare per essere più vicini. Il primo test del 2020 è stato molto buono e non vedo l’ora di continuare a migliorare nel prossimo in Qatar”, ha affermato il giovane spagnolo ad AS.

alex marquez
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Inevitabile una parentesi sul fratello maggiore: “il mio rapporto con Marc è ora ancora più stretto, perché alla fine il fatto di essere nella stessa categoria e nella stessa squadra ci fa passare più ore insieme. Nel circuito è difficile essere d’accordo perché ognuno pensa al suo lavoro, soprattutto in una giornata di test. La relazione sta andando molto bene ed entrambi stiamo remando nella stessa direzione per aiutare la squadra. Nel nostro caso, gli obiettivi sono diversi. È vero che è una situazione speciale e posso contare su di lui per vedere di cosa ho bisogno, ma l’importante è che ci uniamo entrambi per finire di risolvere i problemi: mi ripete ogni volta che si diverte e coglie l’occasione nel miglior modo possibile. L’infortunio? Questa è una lunga riabilitazione e sta soffrendo più dello scorso anno. Spero, per il suo bene, che stia bene in Qatar, perché se sta bene, anche Honda sta bene e questo è importante sia per me che per la squadra. Marc è irrequieto, perché non è mai calmo, ma sicuramente arriverà“.

Alla fine è una sua decisione. Si è ritirato a Valencia e ha deciso di tornare. Ci sono decisioni che dispiacciono di più. È chiaro che tutti i piloti vogliono prolungare il più possibile la carriera sportiva e ha deciso di tornare come tester“, ha concluso su Lorenzo.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE