Gennaro Gattuso
Foto Getty / Francesco Pecoraro

Mentre al nord il calcio si ferma a causa del Coronavirus, al centro-sud il mondo del pallone prosegue il proprio corso naturale. Il San Paolo di Napoli rappresenta, a tal proposito, una particolare eccezione con due partite ospitate nel giro di pochi giorni fra Champions League e campionato. Dopo l’1-1 con il Barcellona, il Napoli raccoglie un altro risultato utile, molto importante per la classifica.

Napoli Manolas
Foto Getty / Francesco Pecoraro

Grazie alle reti di Manolas e Di Lorenzo, due difensori non proprio con il vizietto del gol, gli azzurri battono un Torino, illuso nel finale da un gol di Edera, sempre più in caduta libera e regalano una gioia al pubblico che, nonostante lo spauracchio del Covid19 che aleggia su diverse zone d’Italia, ha comunque seguito la squadra allo stadio. Gattuso ha finalmente riportato il proprio score in positivo: dal suo arrivo sulla panchina partenopea al posto di Ancelotti, quella odierna è la 6ª vittoria a fronte di 5 sconfitte.

Gennaro Gattuso
Foto Getty / Francesco Pecoraro

Un successo frutto di carattere, talento e solidità mentale, nonchè la fiducia derivata dalla buona prestazione contro il Barcellona. Meriti da assegnare a Gattuso, la cui mano inizia a vedersi sull’identità della squadra. Grazie a questo risultato, il Napoli sale temporaneamente al sesto posto in classifica e aggancia la zona Europa League, seppur con due gare disputate in più (l’unica insieme a Lazio e Bologna a 26 partite) rispetto alle altre squadre che si sono viste annullare le gare casalinghe a causa dell’emergenza Coronavirus. In un periodo particolare, nel quale la medicina italiana è chiamata a dare una risposta importante, almeno nel calcio c’è una cura che per adesso sembra funzionare: quella con cui Gattuso ha risollevato il Napoli.