San Siro
Marco Luzzani/Getty Images

Lunedì 2 marzo i divieti relativi agli eventi sportivi oltre le sei regioni coinvolte dal Coronavirus potrebbero venir meno, lo ha annunciato il ministro Spadafora prima di partecipare al Consiglio nazionale in programma al Coni.

coronavirus
(Photo by Emanuele Cremaschi/Getty Images)

Queste le parole del capo del Ministero dello Sport e delle Politiche Giovanili: “se i dati non ci danno indicazioni diverse potrebbe anche darsi che dal due marzo non prolungheremo lo stop agli eventi sportivi. Monitoriamo l’evoluzione nei prossimi giorni. La sicurezza e la salute vengono prima di tutto, di una gara, di una partita, di uno stadio pieno. In caso di un’eventuale proroga, potremmo delimitare ulteriormente le zone della prescrizione. Tutti i casi, anche quelli delle ultime ore, sarebbero riconducibili ai due focolai noti e questo vorrebbe dire che si è bloccata la diffusione. Non esistono le condizioni o le motivazioni neanche in via precauzionale per ampliare le limitazioni al resto del Paese. La scelta delle porte chiuse non è stata un’imposizione, ma una possibilità data alle federazioni e alle leghe”.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE