inter juventus
Emilio Andreoli/Getty Images

L’allarme Coronavirus in Italia ha bloccato tutte le manifestazioni sportive. Lo scorso weekend tante sono state le partite del campionato di Serie A di calcio che non sono state disputate. Non sapendo, però, come si evolverà la situazione e non potendo stravolgere il calendario, il ministro dello sport ha comunicato oggi che le partite della prossima giornata si disputeranno, ma a porte chiuse, come Inter-Ludogorets di Europa League.

Abbiamo deciso di vietare le manifestazioni sportive, oltre che in Lombardia, Veneto e Piemonte, anche in Friuli-Venezia Giulia, Liguria ed Emilia Romagna. Il divieto vale fino a domenica prossima, 1 marzo. Venendo incontro alle richieste arrivate dal mondo dello sport e fermo restando il divieto di manifestazioni sportive a porte aperte per sei regioni del Nord Italia, abbiamo comunque acconsentito allo svolgimento di gare a porte chiuse“, ha affermato Vincenzo Spadafora ai microfoni Rai.

Manca ancora l’ufficialità, ma le partite che si giocheranno a porte chiuse dovrebbero essere le seguenti: Juventus-Inter, Milan Genoa, Sassuolo-Brescia, Udinese-Fiorentina, Parma-Spal e Sampdoria-Verona. “Non abbiamo ritenuto di dover estendere il provvedimento al resto d’Italia perché, come ci ha spiegato la comunità scientifica, in questo momento c’è una zona di focolai che abbiamo limitato, mentre per il resto d’Italia non esistono condizioni per creare allarmismo e prendere misure altrettanto gravi“, ha concluso Spadafora.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE