ibrahimovoci
Emilio Andreoli/Getty Imtages

L’arrivo di Zlatan Ibrahimovic ha cambiato il volto del Milan. La squadra che prima era insicura, sfiduciata e senza un briciolo di gioco, adesso lotta, vince ed ha un’identità tattica. Il merito è soprattutto del bomber svedese che si è subito preso la squadra sulle spalle, ha portato leadership e metodo, ha spronato i compagni (a volte anche con le cattive) ed ha regalato punti importanti per risalire la classifica.

Ibrahimovic ha una clausola di rinnovo in caso di arrivo in Champions League, ma l’aggancio al quarto posto sembra complicato. Ibra però sembra disposto a restare anche un altra stagione, a dispetto dell’età che, viste le prestazioni in campo e la buona condizione fisica, non rappresenta un problema. L’attaccante ex Galaxy però ha posto una condizione: vuole una squadra competitiva nella prossima stagione, una squadra che dovrà essere rinforzata sul mercato. Insomma, una squadra a sua immagine e somiglianza.