World Athletics Indoor Tour, Armand Duplantis in gara a Lievin: presenti anche Jacobs e Fofana

Gli azzurri parteciperanno al meeting di Lievin, sesta tappa del World Athletics Indoor Tour

SportFair

Armand Duplantis è l’attrazione principale del meeting di Lievin, in Francia, sesta tappa del World Athletics Indoor Tour. Ma oltre al funambolo svedese primatista del mondo dell’asta, alla scoperta di limiti sempre più inesplorati dopo il 6,17 di Torun e il 6,18 di Glasgow, in chiave italiana la serata di mercoledì 19 febbraio propone lo sprint di Marcell Jacobs (Fiamme Oro), gli ostacoli di Hassane Fofana (Fiamme Oro) e il salto con l’asta di Sonia Malavisi (Fiamme Gialle).

Per Jacobs è l’occasione giusta per cambiare marcia, rispetto al 6.70 d’esordio di sabato scorso in Scozia, e si misura di nuovo sui 60 metri contro avversari di caratura mondiale, dagli statunitensi Ronnie Baker (6.40 in carriera) e Mike Rodgers (6.48) già incrociati a Glasgow, fino al giamaicano Nesta Carter (6.49). La gara prevede il doppio turno: batterie dalle 19.57 e finale alle 21.25. Migliorare il primato personale è l’obiettivo minimo per l’azzurro che intende cancellare il 6.69 corso tre anni fa a Udine. Dopo Lievin, sarà in gara anche a Madrid venerdì sera.

ROAD TO ASSOLUTI – A pochi giorni dagli Assoluti indoor di Ancona (22-23 febbraio), anche Hassane Fofana cerca la rivincita dopo un’ultima gara non particolarmente brillante: il 7.89 di venerdì a Berlino non rispecchia il suo reale valore, quindi il tempo di riferimento è il 7.73 dello stagionale corso a Torun, sempre nel World Athletics Indoor Tour. Anche nei 60hs la sfida si sdoppia tra batterie e finale, alle 20.20 e alle 21.43, con possibili protagonisti le due medaglie di bronzo dei Mondiali di Doha, il francese Pascal Martinot-Lagarde e lo spagnolo Orlando Ortega. Per Sonia Malavisi è la seconda uscita dell’anno, la prima a questi livelli. Dopo il 4,10 di Fermo, l’astista azzurra prova a decollare (alle 20.05) galvanizzata da un parterre di avversarie di lusso che spazia dalla statunitense vicecampionessa del mondo e olimpica Sandi Morris, alla cubana compagna di allenamento della romana a L’Avana Yarisley Silva.