Atalanta Ilicic
Foto Getty / Marco Luzzani

Una notte magica, come solo le serate di Champions League sanno esserlo. San Siro si colora di nerazzurro, ma non gioca l’Inter: i tifosi dell’Atalanta invadono lo stadio di Milano in massa, 44.000 cuori, un terzo di Bergamo, a sostenere la prima volta della ‘Dea’ agli ottavi di Champions League. Una risposta di pubblico omaggiata con una prestazione a dir poco magnifica.

Josip Ilicic
Foto Getty / Marco Luzzani

Il bel calcio espresso dall’Atalanta non è una novità per chi è abituato a seguire la Serie A, ma esprimersi in ambito europeo sugli stessi standard è il segnale che una piccola realtà è cresciuta al punto tale da potersi sedere al tavolo con le migliori 16 d’Europa. L’Atalanta non è lì per caso, il Valencia ne ha avuto la prova: gli spagnoli sono stati letteralmente frastornati dai continui attacchi nerazzurri per 1 ora di gioco subendo addirittura 4 reti.

Gian Piero Gasperini
Foto Getty / Marco Luzzani

La qualità di Ilicic che firma un capolavoro con il destro, le continue incursioni di Hateboer (2 gol) e Gosens sulle fasce, le imbucate centrali di Pasalic e Freuler (in rete) e i numeri del Papu Gomez hanno fatto ammattire la fragile retroguardia del Valencia che ha rischiato l’imbarcata. Unica nota negativa, il gol subito e il calo di ritmo nella mezz’ora finale nella quale il Valencia ha rischiato di accorciare più volte, ulteriormente, il risultato. Difetto che si può correggere facendo l’abitudine a palcoscenici così importanti. Una serata magica, che passerà alla storia. Uno spot bellissimo per il calcio italiano che torna protagonista in Europa giocando un calcio offensivo e divertente, merito di un allenatore come Gian Piero Gasperini che ha dimostrato, una volta di più, di essere poter insegnare calcio anche anche in Europa.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE