marquez dovizioso
AFP/LaPresse

La stagione 2019 di MotoGp ha regalato ancora una volta spettacolo puro. Marc Marquez ha conquistato il suo ottavo titolo Mondiale lasciandosi alle spalle ancora una volta Andrea Dovizioso, secondo, mentre Maverick Vinales ha completato un podio con un terzo posto soddisfacente viste le difficoltà della Yamaha. Bene Fabio Quartararo, che nella seconda metà della stagione è stato protagonista, esssendo l’unico a lottare con Marquez, regalando al Team Petronas tante soddisfazioni con diverse pole position, costringendo la Yamaha ufficiale a lavorare sodo per rendere competitivi tutti i suoi piloti.

Al temine di un 2019 di spettacolo e sfide, di seguito i TOP&FLOP di Sportfair:

TOP

marc marquez
AFP/LaPresse

Marquez: il campione di Cervera non può non essere che tra i top, non solo per aver conquistato il suo ottavo titolo mondiale, ma per il modo in cui è riuscito a farlo. Lo spagnolo della Honda, infatti, oltre lo zero di Austin, ha chiuso le sue gare sempre con un primo o con un secondo posto, festeggiando in largo anticipo la vittoria Mondiale, a Buriram. Marquez ha dato ancora una volta dimostrazione di essere ‘indistruttibile’, riuscendo a fare cose incredibili nonostante spaventose cadute. Inoltre, da solo ha regalato alla Honda la tripla corona con la vittoria di Titolo Piloti, Titolo Team e Titolo Costruttori. Chapeau.

quartararo
AFP/LaPresse

Quartararo: rookie of the year, il giovane francese è riuscito a far parlare di sè per le sue prestazioni eccellenti in pista con cinque secondi posti ed un terzo posto oltre le sei pole position. Tenace e coraggioso, sempre sorridente, ha dato tanto di cui pensare alla Yamaha, che ha dovuto lavorare sodo per provare a rendere competitivi i suoi piloti ufficiali.

dovizioso
AFP/LaPresse

Dovizioso: sempre meticoloso e analitico, il forlivese è stato ancora una volta protagonista nel 2019. Il pilota Ducati ha ottenuto per il terzo anno consecutivo il titolo di vicecampione del mondo, chiudendo la sua stagione alle spalle di Marquez. Dovizioso è ormai una certezza, anche se l’obiettivo principale per il futuro è il gradino più alto del podio.

FLOP

valentino rossi
AFP/LaPresse

Valentino Rossi: è doloroso dover inserire questo nome tra i flop, ma è un dato di fatto che il Dottore nel 2019 non sia riuscito a brillare e a regalare le solite emozioni ai suoi fan. Una stagione complicata, sempre alla ricerca del setting perfetto, del feeling giusto con la moto, forse mai trovato, o solo in alcuni e rari casi. Il Dottore non ha però mai perso la voglia di andre in pista e spera di poter tornare competitivo il prossimo anno per proseguire la sua carriera in MotoGp anche dopo il 2020.

zarco
AFP/LaPresse

Zarco: annata amarissima per il francese. Il pilota non è mai stato incisivo con la KTM e ha deciso dunque, consapevole di non divertirsi più in pista, di interrompere in anticipo il contratto col team austriaco. Ma è stata la cattiva uscita di qualche settimana dopo che ha reso ‘ridicolo’ il francese. Zarco ha infatti dichiarato di preferire un anno in Moto2 che uno in MotoGp ma col team Avintia. Successivamente, però, il francese ha firmato proprio col team Avintia, per rimanere nella categoria regina, grazie ai colloqui con Dall’Igna e Ciabatti.

yamaha motogpYamaha: nonostante il terzo posto di Vinales, il team di Iwata non è riuscito a brillare. Confermando in qualche modo le difficoltà del 2018, seppur con qualche evidente miglioramento. La squadra deve ancora trovare l’assetto giusto per permettere ai suoi piloti di essere competitivi e di lottare per il titolo e, nel caso in cui non ci dovesse riuscire, rischierebbe di perdere molta credibilità, oltre che due pedine fondamentali della MotoGp, come Vinales e Rossi.

jorge lorenzo
LaPresse

Infine, uno spazio extra per Jorge Lorenzo. Il pilota maiorchino non va classificato in nessuna delle due categorie, ma va sicuramente applaudito per la sua coraggiosa decisione di dire addio alla MotoGp. Lorenzo, infatti, ha annunciato a Valencia il suo ritiro, dopo una stagione complicata con la Honda, resa ancor più difficile dai terribili infortuni che ha dovuto affrontare e superare.