Nike ZoomX Vaporfly NEXT%
Credits: www.nike.com

Tecnologia e sport, il binomio torna a far discutere. Questa volta è l’atletica a domandarsi se sia giusto che l’influenza della tecnologia possa apportare dei significativi cambiamenti nelle prestazioni sportive. L’era del cambiamento è arrivata, ammesso che sia un cambiamento ‘legale’. Stiamo parlando di nuove scarpe di ultima generazione, create in laboratorio per migliorare le prestazioni sportive. Secondo i test i vantaggi sono netti.

Nike ZoomX Vaporfly NEXT%
Credits: www.nike.com

Studiando le nuove Nike Zoom Vaporfly 4% e ZoomX Vaporfly Next%, il New York Times ha stimato che gli atleti che utilizzano tali calzature possono migliorare le proprie prestazioni del 4% rispetto a chi indossa scarpe ‘tradizionali’. La novità sta nell’utilizzo di una piastra di carbonio che aumenta la superficie di contatto e regala più stabili nei primi appoggio dopo la partenza, consentendo dunque una maggiore accelerazione nelle fasi iniziali rispetto agli avversari non dotati della medesima scarpa. Una molla di energia, un boost alla velocità che costa un centinaio di euro in più rispetto alla concorrenza.

Nike ZoomX Vaporfly NEXT%
Credits: www.nike.com

Risultati per altro già evidenziati nel record del maratoneta Kipchoge capace di correre la maratona di Vienna al di sotto delle 2 ore, crono impensabile prima d’ora. Un record però che rischia di essere cancellato proprio a causa delle sue scarpe, etichettate come ‘doping tecnologico’. Come nel caso delle sostanze vietate, anche in questo caso è presente un aumento delle prestazioni che non è dovuto né alle abilità innate, né agli allenamenti dell’atleta. Ma se Kipchoge ci ha messo ‘qualcosa di suo’, essendo un grande campione, è più difficile giustificare il dato, raccolto dal NYT, secondo cui il 41% di maratoneti che usa le nuove Nike scende sotto le 3 ore nella maratona.

Nike ZoomX Vaporfly NEXT%
Credits: www.nike.com

Una situazione che ricorda quanto accaduto nel nuoto con i costumi in poliuretano che hanno permesso di migliorare le prestazioni in vasca al punto tale da essere vietati. Succederà lo stesso nell’atletica? Il tempo e le valutazioni di chi di dovere daranno l’atteso responso. Se dovesse venire accantonata l’ipotesi del doping tecnologico, certamente si assisterà ad una nuova era dell’atletica nella quale super scarpe daranno vita a prestazioni fin qui inimmaginabili che sbricioleranno i record dei più grandi campioni.

Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 2 votes.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE