maurizio sarri
LaPresse

E’ iniziata una nuova giornata di Serie A, per il 20° turno di campionato la Juventus si prepara a sfidare il Parma per confermare la sua leadership in classifica dopo lo stop della scorsa settimana dell’Inter.

Sarri
Alfredo Falcone/LaPresse

Vogliamo essere una squadra che domina la partita ma senza mettersi nelle condizioni di rischiare. La difficoltà spesso sta in questo. Solo Higuain ha un ruolo ben preciso, gli altri due sono giocatori di un livello straordinario, più istintivi, che non hanno una collocazione ben definita in campo. C’è da trovare un equilibrio forte“, ha dichiarato Maurizio Sarri alla vigilia della nuova sfida.

sarri
Fabio Ferrari/LaPresse

Il tecnico bianconero ha aperto una parentesi sulle tanto chiacchierate difficoltà di Dybala in campo insieme a Cristiano Ronaldo: “che Dybala e Cristiano Ronaldo abbiano difficoltà a giocare insieme è un falso mito. Credo che Dybala renda anche con Ronaldo, le buone prestazioni le ha fatte con tutti. E’ chiaro che con loro due insieme ci sono meno riferimenti centrali ma che abbiano difficoltà a giocare insieme non mi pare una considerazione giusta“.

Sarri
Massimo Paolone/LaPresse

Paura dell’Inter considerando il mercato? Paura è una parola grossa, stiamo parlando di sport. Non seguo il nostro mercato, figuriamoci quello dell’Inter. Non mi interessa. Così come siamo abbiamo la ferma convinzione di essere protagonisti, dobbiamo pensare a noi e dare il 100% che abbiamo, cosa che non abbiamo sempre fatto ma i segnali ultimamente sono positivi. La sfida con l’Inter partita chiave per il campionato? Per me già Juve-Roma è lontana nel tempo. Ora penso solo al Parma, bisogna pensare di partita in partita, alle tabelle non credo, sono una delle più grandi cazzate nella storia del calcio. Bisogna avere la testa per affrontare il Parma in maniera giusta. Un mese e mezzo nel calcio è una vita, può succedere di tutto“, ha aggiunto Sarri.

Sarri
Lapresse

Spero domani di non vedere Kulusevski, che i nostri giocatori siano in grado di contenerlo. Spero di vederlo bene tra sei mesi. Un suo arrivo già a gennaio? Questo dovete chiederlo al direttore Paratici, ma penso di no“, ha concluso.