Harden
LaPresse/Reuters

Anthony Davis sembra avere un conto aperto con i Pelicans, sua ultima squadra prima di trasferirsi ai Lakers. Dopo i 41 punti messi a referto al suo primo ritorno a New Orleans, questa volta il numero 3 giallo-viola ne segna ben 46, regalando il successo alla franchigia di Los Angeles con il risultato di 123-113. Ottima la prestazione anche di LeBron James, che fornisce il proprio contributo con 17 punti, 8 rimbalzi e 15 assist. Bene infine Danny Green, autore di 25 punti tra cui la tripla del +10 che spegne le speranze dei Pelicans a 120 secondi dalla fine. Ancora panchina per Melli, rimasto seduto per tutto l’arco dell’incontro.

Serata da ricordare anche per James Harden, che permette a Houston di conquistare la quarta vittoria consecutiva in casa contro Philadelphia con una superba tripla doppia (44 punti, 11 rimbalzi e 11 assist). Un apporto importante per i Rockets arriva anche da Clint Capela (30+14) e Russell Westbrook (20+7+4). Per i Sixers è notte fonda, considerando come si tratti del quarto ko consecutivo, come non accadeva dal dicembre 2017. Non basta a Philadelphia la tripla doppia di Ben Simmons da 29 punti, 13 rimbalzi, 11 assist e i 20 punti del rientrante Joel Embiid.

Successo casalingo per i Boston Celtics che non danno scampo ad Atlanta, superate davanti al proprio pubblico con il risultato di 109-106. Sorridono anche gli Orlando Magic, che superano senza sudare i Miami Heat, costretti ad arrendersi 105-85. Dopo cinque sconfitte consecutive, torna a sorridere Portland, che si impone in trasferta sui Washington Wizards. Migliore in campo Damian Lillard, capace di chiudere a quota 35 punti con 10/20 al tiro e 13/14 ai liberi. Vittoria importante infine per Phoenix, che rimonta 11 punti di svantaggio ai Knicks e si impone 120-112.

nba