Alberto Puig Team Manager Honda
LaPresse/Simone Rosa

La grande novità del Mondiale 2020 di MotoGp sarà la presenza di Alex Marquez sulla Honda HRC, un matrimonio celebrato dopo il ritiro improvviso di Jorge Lorenzo.

Alex e Marc Marquez
Lapresse

Il campione del mondo di Moto2 dovrà affrontare la sfida più difficile della sua carriera, provare a tener testa al fratello Marc, con cui dividerà il box. Interrogato sulla loro convivenza, Alberto Puig ha spiegato il proprio punto di vista a Motorsport.com: “Marc sarebbe più preoccupato se suo fratello debuttasse in MotoGP con un altro team, in questo modo sa che si trova in un buon posto, perché è consapevole di come Honda tratta i propri piloti. L’arrivo di Alex non influenzerà in maniera negativa Marc. Anzi, è molto felice. A lui importerà solo che la moto vada bene, questo è tutto ciò di cui gli interessa e che ha in mente. Marc è un campione ed il giorno in cui dovrà cedere il passo a suo fratello, lo farà. Fine della storia“.

alex marquez
AFP/LaPresse

Puig ha poi proseguito: “credo che sia un’opportunità unica per Alex. Bisogna valutarlo per il livello della classe e in che posizione finirà. I risultati e la curva d’apprendimento ci diranno se sarà andato bene o meno. Alex deve lavorare, fare sacrifici e sforzi. Il talento non si controlla, c’è o non c’è. Ma il lavoro sì“.