jorge lorenzo
AFP/LaPresse

Il nome di Jorge Lorenzo è quello che, nelle ultime settimane, è stato maggiormente accostato alla Yamaha, alla ricerca di un pilota esperto a cui affidare il ruolo di collaudatore.

jorge lorenzo
AFP/LaPresse

Il ritiro dello spagnolo ha aperto a questa clamorosa opportunità, con il maiorchino che ha finalmente parlato di questa prospettiva ai microfoni di Motosan.es: “l’ultimo anno e mezzo in termini di infortuni è stato sicuramente il peggiore della mia carriera. Questo ha influenzato notevolmente le mie prestazioni. Devo dire che nonostante tutti i problemi e i cattivi risultati il team mi ha sempre supportato, Tester in Yamaha? E’ una delle possibilità che ho sul tavolo. Avere più tempo libero è stato uno dei motivi che mi ha spinto a ritirarmi. Quindi in questo momento voglio avere più tempo e fare le cose che non ho potuto fare negli ultimi 18 anni“.

jorge lorenzo
LaPresse

Riguardo gli avversari affrontati in carriera, Lorenzo ha rivelato: “da giovane ho lottato con Pedrosa e Dovizioso, mentre in MotoGp i più difficili da battere sono stati Rossi, Stoner e Marquez, ognuno di loro con un talento unico. Secondo me una delle più grandi virtù di Marc è che vuole sempre vincere, ma potrebbe diventare anche un difetto per lui in uno sport così rischioso come la MotoGP. Inoltre se dovesse eguagliare Agostini credo che avrebbe ancora più meriti visto che Giacomo ha ottenuto quei numeri in un’epoca in cui era permesso correre in più categorie nella stessa giornata“.