maverick vinales
AFP/LaPresse

Il 2019 non ha particolarmente sorriso alla Yamaha, ma Maverick Vinales è comunque riuscito a piazzarsi al terzo posto Mondiale al termine della stagione di MotoGp. Lo spagnolo è stato dunque, come da lui desiderato, il miglior pilota del team di Iwata.

maverick vinales
AFP/LaPresse

Il capotecnico di Vinales ha parlato delle motivazioni trovate dal pilota per far raggiungere il suo obiettivo: “quando Quartararo gli arrivava davanti a volte tornava ai box e diceva che non era possibile e che doveva essere lui la Yamaha più veloce. Quindi io credo che questa cosa lo abbia spronato. Non credo comunque che quella sia l’unica cosa. Nella prima gara eravamo in pole e lì Fabio ancora non c’era lì davanti, in Argentina abbiamo avuto un problema e poi Morbidelli gli è finito addosso e a Jerez, che è una pista che storicamente non gli piace ha chiuso 3°”, ha spiegato ad Autosport Esteban Garcia.

Siamo noi il punto di riferimento perché siamo quelli che hanno vinto più gare in Yamaha in questi anni. Ci siamo concentrati sui nostri problemi e abbiamo capito come migliorarli”, ha concluso il capotecnico di Vinales.