Leao
Spada/LaPresse

Poche presenze in questa prima parte di stagione, un solo gol e una fiducia ancora da conquistare. Rafael Leao non si aspettava che il suo inserimento nell’universo Milan fosse così difficile, reso ancora più complicato dalla situazione negativa che attraversa il club.

ibrahimovic
Spada/LaPresse

L’arrivo di Ibrahimovic potrebbe giovare eccome al portoghese, intervenuto ai microfoni di Sky Sport per esprimere le proprie sensazioni sull’arrivo dello svedese a Milanello: “per me Ibra è come un fratello maggiore. Da quando è arrivato ha iniziato a parlare con me, dandomi consigli su come migliorare, su come stare in area. Per me è una gran cosa che sia qui, perché lui è un gran giocatore e voglio imparare il più possibile con lui accanto. Penso che ci aiuterà a cambiare le cose, a vincere le partite, perché con lui aumentano le possibilità di successo. Siamo il Milan. Dobbiamo tornare o in Champions League o in Europa League, perché il Milan merita questo“.

Spada/LaPresse

Il portoghese poi ha proseguito: “non sto giocando molto, ma Pioli è un buon allenatore e mi sta dando molta fiducia in me stesso. Quando mi metterà in campo, gli farò vedere cosa sono in grado di fare. Posso giocare in tutti i ruoli in attacco, centravanti o esterno, ma preferisco prima punta perché così mi muovo più nei pressi dell’area e ho più chance di fare gol. In allenamento ho provato sia con Ibra sia con Piatek. Abbiamo fatto bene insieme, ci troviamo bene, ci capiamo. Non so se giocheremo così, ma se il mister opterà per le due punte forse avremo più occasioni per segnare“.