Ibrahimovic
AFP/LaPresse

L’arrivo di Zlatan Ibrahimovic ha portato grande entusiasmo in casa Milan. In un momento della stagione alquanto travagliato, i tifosi rossoneri sperano che il bomber svedese si riveli il leader in grado di guidare la squadra verso la risalita in classifica nella seconda metà di campionato.

Il carisma di Ibrahimovic è innato, le qualità le conosciamo bene, se il fisico dovesse reggere il posto da titolare in attacco è suo di diritto, con buona pace di Piatek. Lo spiega Zibì Boniek che ai microfoni di Radiouno sottolinea quanto l’arrivo dello svedese metterà pressione sull’intera rosa del Milan: “Piatek è un buon giocatore, sa fare gol, poi come succede, è entrato in buco nero e non riesce a uscire. L’arrivo di Ibrahimovic è una mossa dal punto di vista mediatico molto intelligente ma nessuno si è domandato se a 38 anni è ancora capace di fare la differenza nel campionato italiano, com’è la sua condizione fisica. Vediamo come comincia. Se Ibra darà fastidio a Piatek? Darà fastidio a tutti i giocatori del Milan, toglierà il posto a qualcuno e farà pressione a tutti. E’ una mossa difficile da capire, mi sembrava che la politica del Milan fosse diversa. Ma hanno perso terreno e vogliono a tutti i costi rientrare nel gruppo. Ibra e Piatek possono giocare insieme, il primo mi sembra giochi ora un po’ più indietro. Il secondo è più attaccante d’area“.