Gattuso
Alfredo Falcone/LaPresse

Un’altra sconfitta per il Napoli, la seconda consecutiva dopo quella incassata al San Paolo contro l’Inter. Gennaro Gattuso non riesce a risollevare gli azzurri, perdendo contro la Lazio a causa di un errore madornale del portiere Ospina.

Alfredo Falcone/LaPresse

Proprio da qui è partito l’allenatore calabrese per analizzare il match, addossandosi tutte le colpe: “dobbiamo guardare avanti, penso che la responsabilità del gol sia mia. Sono io che chiedo di passare al portiere, sono io che chiedo certi movimenti. La squadra sta cominciando a fare quello che chiedo io: se analizziamo, da quando sono arrivato, prendiamo anche gol assurdi. Da troppo tempo non diamo continuità ai risultati. Ci serve un filotto di vittorie, di belle prestazioni. Noi dobbiamo essere una squadra pensante, e non lo facciamo. Positivo? Io lo sono molto. Io mi diverto ad allenare questa squadra: abbina qualità, quantità. Abbiamo grandi margini di miglioramento, dobbiamo credere in quello che facciamo”.

Ospina
ALFREDO FALCONE

Gattuso ha poi proseguito, soffermandosi anche su Insigne: “il primo responsabile sono io. Devo fare anche io risultati per rimanere qui, è il mio obiettivo, anche io sono legato ai risultati. Lorenzo si è mosso molto di più. E come lui, tutta la squadra: mi sembra in crescita. Ma a noi questa sconfitta deve bruciare molto, nonostante le nove vittorie consecutive dei nostri avversari, ora dieci. Ospina? Si vede l’errore, ci sta, ma non si vedono anche le molte uscite che hanno impedito di subire di più. Per me il portiere non è un portiere, ma un giocatore. Lo dico sempre“.