Andrea Pavan
Credits: Foto Scaccini

Andrea Pavan sarà l’unico italiano in campo nell’Hong Kong Open (9-12 gennaio), il torneo dell’Asian Tour che si svolge sul percorso dell’Hong Kong Golf Club a Fanling, con qualche mese di ritardo sul programma previsto, essendo stato rinviato a suo tempo per i disordini sociali nel Paese.

Il 30enne romano inizia il 2020 con l’obiettivo dichiarato di partecipare ai Giochi Olimpici di Tokyo, ma per arrivarci dovrà dar seguito a quanto di buono e di ottimo ha fatto nella passata stagione e non è un caso se viene indicato tra i favoriti del torneo insieme all’irlandese Shane Lowry, vincitore dell’Open Championship 2019, allo statunitense Tony Finau, numero 16 del world ranking, e al thailandese Jazz Janewattananond, leader dell’ordine di merito dell’Asian Tour.

Sarano comunque numerosi i possibili protagonisti tra i quali ricordiamo gli australiani Wade Ormsby e Scott Hend, il coreano Charlie Wi, i cinesi Lianwei Zhang e Huilin Zhang, il filippino Miguel Tabuena, gli altri due thailandesi Prom Meesawat e Prayad Marksaeng, il malese Nicholas Fung insieme a Siddikur Rahman del Bangladesh e a Mardan Mamat di Singapore. Non ci saranno Francesco Molinari e l’americano Patrick Reed, che invece erano nel field prima del rinvio. Il montepremi è di un milione di dollari.