smartphone

Il nuovo Codice della Strada è in queste ore in discussione alla Camera dei Deputati. Sul tavolo vi sono tante novità e sanzioni decisamente inasprite soprattutto per debellare una piaga che affligge il “mondo della mobilità”. Stiamo parlando dell’annoso problema dell’utilizzo degli smartphone alla guida, che negli ultimi anni ha causato migliaia di incidenti a causa dell’ovvia distrazione del conducente.

Quella relativa ai cellulari alla guida è solo una delle questioni calde, è stata infatti bocciata la proposta d’aumento del limite di velocità sulle autostrade a tre corsie da 130 a 150 km/h, ma vediamo tutti i punti al vaglio:

  • Multe maggiorate per chi usa lo smartphone alla guida. Da 422 euro a 1697 euro e sospensione della patente fino a tre mesi in caso di recidiva.
  • Obbligo di cinture di sicurezza per gli scuolabus, a partire dal 2024.
  • Distanza di sicurezza laterale obbligatoria di 1,5 metri quando l’automobilista supera una bicicletta.
  • Obbligo di istituzione da parte dei Comuni delle Zone scolastiche. Queste sono strada poste intorno alle scuole che dovranno avere un limite di velocità di 30 km/h, negli orari di entrata ed uscita.
  • Nelle suddette zone, introdotta la possibilità di installare strisce pedonali rialzate ad altezza marciapiede.
  • Incentivo per i Comuni a installare bande sonore sulle strade.