roglic
Massimo Paolone/LaPresse

Un 2019 esaltante, caratterizzato dalla vittoria alla Vuelta e dal podio al Giro d’Italia. Un 2020 che si preannuncia altrettanto emozionante, con l’obiettivo dichiarato di vincere il Tour de France.

AFP/LaPresse

Primoz Roglic si prepara per una stagione ricca di impegni, dove andrà a caccia del successo alla Grande Boucle, messa in cima alla sua lista dei desideri. Intervistato ai microfoni di Cyclingnews, lo sloveno ha ammesso: “penso di poter vincere, voglio vincere. Tutti sognano di vincere il Tour ma soprattutto voglio far parte di una squadra vincente. Manca ancora tanto ma non vedo l’ora. Si tratta di essere il migliore fra quelli che saranno al via. L’arrivo di Dumoulin? Per me è una cosa buona, più uomini forti ci sono in squadra, più è forte il team. Non penso che complicherà le cose, tutti vogliamo vincere ma vogliamo anche far parte di un team vincente. Non ho alcun problema a lavorare per lui e non ci saranno problemi se lavorerà per me. Penso che il suo arrivo alzi l’asticella per tutti nella squadra“.

lapresse

Parlando della scorsa stagione, Roglic ha rivelato: “è difficile dire cosa sia andato storto al Giro d’Italia, ma comunque sono salito sul podio. Non stavo bene, avevo problemi allo stomaco e questo è stato il principale problema anche se ci ha insegnato tanto: dalla 13ª tappa in poi non ho più patito la fame. Sono molto più fiero del terzo posto al Giro che della vittoria alla Vuelta. Quel podio, dopo tutti i problemi che abbiamo avuto in squadra, è stato un risultato ancora più grande. Ho dovuto lottare con me stesso ma non ho mai pensato di mollare perché era il mio obiettivo da inizio anno“.

Marco Alpozzi/LaPresse

Riguardo la vittoria ottenuta alla Vuelta, Roglic ha concluso: “un grande successo e abbiamo lottato tutti per ottenerlo. Quando inizi la carriera l’idea è di vincere un giorno un Grande Giro e lo scorso anno è stato il primo in cui questo era un obiettivo concreto. Ci sono riuscito ed è stato bellissimo“.