maurizio sarri
Tano Pecoraro/LaPresse LaPresse/

Il tridente? La partita l’abbiamo persa con un centrocampista in più. Non lo ritengo responsabile per la sconfitta. L’amarezza c’è ma bisogna subito guadare avanti perché piangerci addosso non ci risolve i problemi. Le energie già iniziali non erano tante. Non abbiamo perso per stanchezza ma per mancanza di brillantezza. Non ce n’era già dall’inizio. Il calendario era questo, dovevamo andare olre a questa difficoltà. Non c’era niente da fare“. Questa la lucida analisi di Maurizio Sarri, tecnico della Juventus, in conferenza stampa al termine della finale di Supercoppa persa contro la Lazio per 3-1. “I miei giocatori non si fanno condizionare da due sconfitte. Tra qualche mese saremo magari noi a portare via dal campo la vittoria. Loro al momento stanno vivendo un momento magico. Tra qualche mese potrebbe non essere più così“, ha concluso l’allenatore bianconero.