ozil kolasinac
LaPresse

Interrogato sul tentativo di rapina sventato qualche mese fa, Kolasinac ha ammesso di aver subito pensato al peggio

Una disavventura che non dimenticheranno tanto facilmente, un tentativo di rapina che ha segnato psicologicamente sia Mesut Ozil che Sead Kolasinac, protagonisti la scorsa estate di una scena da film.

Rapina KolasinacQualche settimana fa la polizia inglese ha pubblicato il video di quanto successo, in cui il terzino serbo riesce non solo a sventare l’aggressione ma anche a far scappare i malviventi. Attimi di panico, che il giocatore dell’Arsenal ha ripercorso ai microfoni di DAZN: “Mesut era venuto a trovarmi a casa e lo avevo semplicemente accompagnato alla macchina. Pochi istanti dopo, siamo stati aggrediti. Ho subito pensato che fosse arrivato il mio momento e che sarei morto. Avevo letto che a Londra capitavano cose simili ogni giorno ma mai avrei immaginato di potermici trovare immischiato. Ho provato subito a reagire. Dovevo fare qualcosa. Per fortuna se ne sono andati e tutto si è risolto per il meglio. Dobbiamo guardare avanti e dimenticare quell’episodio”.

Valuta questo articolo

Rating: 4.0/5. From 1 vote.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE