peter sagan
LaPresse

La nuova stagione di ciclismo si avvicina sempre più: dopo le fatiche di un appassionante 2019, i ciclisti hanno iniziato i loro allenamenti in vista del 2020, per le prime gare che si disputeranno già a gennaio.

Tempo di presentazioni per la Bora Hansgrohe, con Peter Sagan protagonista indiscusso. Lo slovacco è pronto per un 2020 da urlo, con la sua prima partecipazione al Giro d’Italia.

peter sagan
AFP/LaPresse

Vacanze? Ne ho fatte poche, ma buone. Tra le due mie granfondo, quattro giorni in Colombia insieme a Mario, il mio miglior amico, Giovanni Lombardi e Gabriele Uboldi. Siamo un gruppo inseparabile. Poi lì c’era anche Fernando Gaviria. Sì dai, lui in corsa è un rivale ma è anche un amico. Poi, dalla settimana scorsa, ho ricominciato a pedalare a Monte Carlo, con Oscar Gatto“, ha raccontato alla ‘rosea’.

saganIl Giro è una grande occasione. E’ la mia prima volta e ci tengo tanto a fare bene. Sapete benissimo quanto abbia l’Italia nel cuore: sono un po’ anche italiano. Mi aspetto una gara dura dura, ma anche tanti tifosi e tanta gente sulle strade a divertirsi. Sono felice di correre il Giro. Poi la partenza dall’Ungheria che è vicina alla mia Slovacchia lo rende davvero speciale: vincere sarà uno sballo” ha aggiunto prima di aprire una parentesi su Olimpiadi e Mondiali: “sembrano durissimi. Ma sono molto in là nella stagione. Ci sarà tempo per pensarci”.

Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE