FOTO FILIPPO RUBIN / LVF

Il tradizionale appuntamento di Santo Stefano con il Campionato di Serie A1 Femminile si rinnova anche nel 2019. Come spesso accaduto nelle ultime stagioni, inoltre, il turno ‘natalizio’ coincide con la fine del girone di andata della Regular Season, la cui classifica determinerà gli accoppiamenti dei quarti di finale di Coppa Italia. Il titolo di ‘Campione d’Inverno’ è già nelle mani dell’Imoco Volley Conegliano, che si appresta a sfidare in un PalaVerde sold out già da alcuni giorni la Unet E-Work Busto Arsizio, l’unica formazione che finora è riuscita a tenere il passo rapidissimo delle pantere: i tre punti di vantaggio e un quoziente set impareggiabile assicurano alle gialloblù il primato al giro di boa a prescindere dal risultato dell’attesissimo match, ma c’è grande curiosità per capire se e quanto le farfalle potranno infastidire le Campionesse del Mondo.

Sono molto soddisfatto del lavoro svolto, adesso ci manca l’ultimo sforzo nella classica partita di Santo Stefano al Palaverde – spiega Daniele Santarelli, coach Imoco -. Busto Arsizio ha disputato una grande stagione fin qui, è una squadra forte e completa, non una sorpresa perché me l’aspettavo tra le protagoniste, ma certamente è la squadra che sta facendo meglio tra le nostre antagoniste. Quindi mi aspetto un match molto difficile, ci sarà tanta qualità in campo e un grande spettacolo per il pubblico che ha già fatto registrare il pienone. Vogliamo regalare al nostro pubblico, sempre fantastico, un’altra grande soddisfazione prima di farci gli auguri di Buon Anno e tirare un po’ il fiato in vista della seconda parte della stagione“. Mission impossible per la UYBA? Forse ma la squadra di Lavarini non vuole partire battuta, come confermano le parole di Alessia Gennari: “Un finale con botto, a cui arriviamo un po’ stanche, ma abbiamo qualche giorno per recuperare al meglio: ci sentiamo pronte, soprattutto di testa, non vediamo l’ora del 26. E’ uno scontro al vertice, per la prima volta non siamo così lontane da Conegliano, almeno in classifica. Sappiamo lo squadrone che ci troveremo di fronte, ma non abbiamo niente da perdere: il secondo posto è nostro e quindi andiamo a giocarcela“.

Dunque l’ultima giornata del 2019 sarà determinante per l’accesso alla Coppa Italia. Sono ancora due i posti vacanti degli otto a disposizione per la qualificazione ai quarti: Il Bisonte Firenze, attualmente settimo con 18 punti, farà visita alla Saugella Monza – che riabbraccerà i suoi tifosi alla Candy Arena – e ha bisogno di un punto per garantirsi la partecipazione alla competizione. Non faranno sconti le brianzole, che possono ancora ambire a una delle prime quattro posizioni della classifica, che darebbero l’opportunità di giocarsi in casa l’accesso alla Final Four di Coppa: “Arriva Firenze, squadra talentuosa con giocatrici giovani ma di grande qualità – chiarisce Massimo Dagioni, coach Saugella -. Noi siamo in un buon periodo sia di risultati che di gioco. Devo dire brave alle ragazze perché domenica hanno fatto sembrare la vittoria contro Perugia semplice, cosa che in realtà non è stata. Vogliamo continuare su questa strada, vincendo a prescindere dal posizionamento in Coppa Italia. L’equilibrio della graduatoria sembra abbastanza evidente, con quattro squadre nel giro di due punti ed un’ultima giornata che può cambiare l’ordine di posizione. Noi dobbiamo pensare a dare il massimo partita dopo partita, mettendo il 100%”.

Ha il proprio destino in mano anche la Reale Mutua Fenera Chieri, che siede all’ottavo posto e si appresta a fare visita alla Banca Valsabbina Millenium Brescia. “La posizione di classifica che ci siamo guadagnati è certamente il risultato di come ci siamo allenati nelle ultime due settimane – commenta Giulio Cesare Bregoli, allenatore di Chieri -. Brescia non sta attraversando un grande momento di forma, ma il Campionato va a ondate e il calendario spesso incide molto. E’ comunque una squadra forte, andiamo a giocarcela con serenità sapendo di poter fare risultato. Sarà importante muovere la classifica e mostrare un buon livello di gioco“. “Abbiamo intenzione di fare bene ritrovando finalmente il nostro pubblico di casa che ci darà nuova linfa – commenta il direttore generale Emanuele Catania – non dimentichiamo che è più di un mese che siamo lontani dal nostro palazzetto e questo può essere un fattore. Vogliamo chiudere il girone d’andata muovendo la classifica, benché sappiamo essere Chieri in buono stato di forma. Dal lato nostro dobbiamo giocare con continuità e determinazione perché abbiamo la possibilità di fare bene. Lo dobbiamo ai nostri tifosi“.

Devono invece fare punti e sperare in scivoloni altrui Zanetti Bergamo e Lardini Filottrano. Le orobiche di Marco Fenoglio riceveranno al PalaAgnelli l’Igor Gorgonzola Novara, in una delle classifiche del volley moderno, con numerosi intrecci – non ultimo quello che riguarda proprio il neo coach rossoblù, Campione d’Italia con le azzurre nel 2017 – e ricorsi storici. Il duello sarà trasmesso in diretta su Rai Sport HD. Le marchigiane di Filippo Schiavo ospiteranno la Savino Del Bene Scandicci: un confronto decisamente ostico per Partenio e compagne, che però domenica hanno dato del filo da torcere a Busto Arsizio, confermandosi squadra in grado di battagliare a tutte le latitudini.

Appaiata al quarto posto alle toscane di Mencarelli ma dietro per minor numero di partite vinte, la èpiù Pomì Casalmaggiore cerca un successo per rimettere il naso avanti: al PalaRadi arriva la Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta, che vuole risollevarsi e chiudere l’annata positivamente. Così come la Bartoccini Fortinfissi Perugia ultima in classifica, impegnata al PalaUbiBanca contro la Bosca S.Bernardo Cuneo: le padrone di casa, però, con un successo si allontanerebbero sensibilmente dalla zona retrocessione.