maverick vinales
Alessandro La Rocca/LaPresse

Il 2019 non ha sorriso particolarmente alla Yamaha: il team di Iwata ha avuto diverse difficoltà nonostante il terzo posto Mondiale di Vinales. La squadra sta lavorando sodo per permettere ai suoi piloti di essere competitivi il prossimo anno e lottare per il titolo Mondiale, ma intanto deve anche decidere su chi puntare per il dopo 2020.

maverick vinales
AFP/LaPresse

Se il rinnovo può essere una distrazione per Maverick? No, non credo, se ne parla da mesi e non è stato influenzato. Quello che penso è che sia sbagliato firmare i rinnovi in anticipo, queste cose dovrebbero essere fatte a metà della stagione, non un anno e mezzo prima. Come si fa a gestire una stagione con un team che già sa che non continuerai. Questo, però, non deve per forza influire su di te“, queste le parole del capotecnico di Vinales a Motorsport.

AFP/LaPresse

Garcia ha poi analizzato la possibilità di vedere il pilota spagnolo anche su una moto diversa dalla Yamaha: “credo che andrebbe bene su qualunque moto. Sinceramente, la Yamaha è una moto che va molto bene, dove si sale e si va veloci. Ma cercare il passo successivo, il limite successivo, non è così facile. È una moto che non ti permette di essere troppo violento o di guidarla in modo troppo aggressivo. Devi essere molto ‘burroso’, come ha detto Jorge, devi essere fluente, ed è quello che ha fatto Fabio. E’ una moto che si adatta molto bene al suo stile di guida. Abbiamo dovuto adattarci alla moto, cambiare molto lo stile. Alla fine, in questa categoria o hai una fabbrica come Honda che fa una moto per te, come è successo con Marc influenzando il resto dei piloti, o devi adattarti. Abbiamo dovuto adattarci ad una moto che, in generale, va molto bene per tutti, soprattutto se sei bravo a guidare, la capisci bene e non la metti in difficoltà. Onestamente, penso che Maverick andrebbe bene con qualsiasi moto, anche con la Ducati e la Suzuki, e sarebbe uno dei pochi piloti in griglia che potrebbe andare bene anche con la Honda. Potrebbe andare molto veloce con la Honda. La moto non è male, avrà punti molto forti e altri non così forti, ma in generale… come può essere male la moto quando il team ha fatto più di trecento punti e, per esempio, ha vinto in Thailandia? La moto che hanno costruito ti permette di “rovinare” la gara a un ragazzo come Quartararo che meritava quel successo molto di più“.