Fabio Ferrari/LaPresse

Un inizio di stagione un po’ complicato, utile per adattarsi al campionato italiano e prendere le misure con una Serie A diversa dall’Eredividie.

(Photo by Anne-Christine POUJOULAT / AFP)

Matthijs De Ligt ci ha messo un po’, ma adesso sembra ormai entrato nei meccanismi della Juventus, di cui rappresenta uno dei pilastri della difesa insieme a Bonucci. Intervistato durante il volo per raggiungere la premiazione del trofeo Kopa, attribuito al miglior giovane della stagione, l’olandese ha ammesso: “quando un club importante come la Juve ti cerca, non può che essere un grande onore. Sono orgoglioso di indossare questa maglia. Mi piace affrontare nuove sfide e vincerle. Sono felice qui e sento di migliorare ogni giorno. Mi alleno con i migliori giocatori al mondo. Con Bonucci ci capiamo bene e ci completiamo a vicenda. So quello che lui sa fare bene e lui sa quello che so fare bene io. Cerchiamo di formare una buona coppia. Bisogna sempre avere voglia di imparare, crescere e diventare migliori. Se giochi nella Juventus devi sempre cercare di vincere tutto, ed è quello che voglio fare io. Voglio vincere tutti i trofei possibili“.

De Ligt
Alfredo Falcone/LaPresse
“A

Sul suo passato, De Ligt ha sottolineato: “onestamente da piccolo potevo sognare tutto questo ma non lo immaginavo possibile. Sognavo di diventare un calciatore professionista. Ma se avessi detto che avrei vinto il Golden Boy, il trofeo Kopa e raggiunto le semifinali di Champions League a vent’anni, avrei detto una bugia a me stesso. Alla fine è successo. Ho vissuto moltissime esperienze positive ma anche negative. Ne sono successe tante, ma sono felice di aver fatto quelle esperienze. Mi ritengo una persona fortunata. Ero abituato ad Amsterdam che è una città diversa rispetto a Torino. Qui sono felice, ho già visto molti luoghi interessanti. Mi trovo bene e spero di poterci restare a lungo“.