Wolff e Binotto
Photo4 / LaPresse

Un Mondiale è terminato da poco, quello in pista vinto dalla Mercedes e da Lewis Hamilton. Ma un altro ne è cominciato sui tavoli di Liberty Media, dove la Ferrari sembra però in vantaggio anni luce.

Wolff e Binotto
Lapresse

Il team di Maranello infatti non ha perso tempo nelle scorse settimane e, in men che non si dica, è riuscita a strappare la fetta più grossa nella divisione dei premi del nuovo Patto della Concordia, pronto ad entrare in vigore nel 2021 per i cinque anni seguenti. Secondo quanto filtra dal paddock, il Cavallino è riuscito ad accaparrarsi un sorprendente 38%, giocando sulla storicità e sul valore del proprio marchio, mantenendo anche il diritto di veto sulle regole tecniche. Un risultato sorprendente che ha spiazzato la Mercedes, convinta di meritare anch’essa lo stesso trattamento dopo i dodici titoli mondiali di fila (sei piloti e sei Costrittori) dell’era ibrida. Il nuovo presidente Daimler, Ola Kallenius, ha intenzione di mettere alle strette Liberty Media, puntando ad un 32% di torta che lascerebbe solo le briciole ai team rivali.

AFP/LaPresse

In questo modo, Mercedes e Ferrari avrebbero il 70% dei premi, lasciando solo il 30% al resto dei team di cui fa parte anche la Red Bull. Una situazione spinosa che dovrà essere risolta nelle prossime settimane, solo a quel punto la Mercedes potrà concentrarsi sul rinnovo di Hamilton.

Valuta questo articolo

Rating: 4.0/5. From 7 votes.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE