verstappen
photo4/Lapresse

Nell’ultima stagione ha avuto a che fare spesso con gli steward, soprattutto in quelle occasioni in cui si è trovato a fare a sportellate con Charles Leclerc.

verstappen
LaPresse

Max Verstappen si è trovato dunque a far fronte a decisioni favorevoli e contrarie, che lo hanno spinto ad esprimere un giudizio non proprio lusinghiero nei confronti della Direzione Gara: “la cosa è come nel calcio, no? Si hanno arbitri diversi, qualcuno ti dà un cartellino giallo più facilmente rispetto ad altri. È la stessa cosa. Ovviamente c’è un regolamento, ma anche gli steward hanno un minimo di voce in capitolo al momento di applicarlo. Quando si gioca in Champions League o in Premier League, l’arbitro può essere diverso. A volte si scampa con un cartellino giallo, altre volte si prende il rosso e ti chiedi ‘ma cosa succede?’. Credo che in Formula 1 sia esattamente la stessa cosa. È molto difficile per gli steward. Voglio dire, sono stato nella loro stanza al round di Formula E di Marrakech come punizione per i servizi sociali e li ho visti mentre distribuivano penalità. Non è facile per loro. Anche loro non vogliono infliggere penalità. A volte devono farlo, anche per applicare le regole. Possiamo forse cercare di alleggerire alcune delle penalità o semplicemente scriverle in modo diverso nel regolamento“.