Villeneuve
photo4/Lapresse

Una stagione da dimenticare, un anno da archiviare in fretta per ripartire di slancio nel 2020. La Ferrari si lecca le ferite e lavora per ridurre il gap dalla Mercedes, apparsa ancora lontana negli ultimi Gran Premi del Mondiale 2019.

binotto leclerc vettel
photo4/Lapresse

Secondo Jacques Villeneuve, a danneggiare la Ferrari è stata la brutta gestione dei piloti, come sottolineato ai microfoni del magazine olandese Formule1.nl: “quest’anno la Ferrari è crollata. Molto è dipeso dai due piloti e tra loro non si è trovato un equilibrio. La Ferrari non ha mai detto a Leclerc: ‘Questo è il tuo primo anno con noi, il secondo in F1, per cui rilassati e impara da Vettel’. Invece dalla prima gara Leclerc si è creato l’immagine di quello che dice: ‘Voglio dimostrare che sono il capo e che Vettel è il passato, mentre io sono il futuro’. E c’è stata l’onda dei fan che ha stabilito che Leclerc era il salvatore e i media hanno cavalcato tutto questo. Questa situazione penso abbia ferito Vettel, così come è accaduto con Ricciardo ai tempi della Red Bull”.

binotto
Photo4/LaPresse

Villeneuve poi ha proseguito: “tutto questo non aiutato la Ferrari e Leclerc, che semplicemente non era ancora pronto per assumersi quel ruolo. Quest’anno ha lottato per le pole position e talvolta per le vittorie, ma non per il mondiale. Quindi tutta questa situazione ha danneggiato la Ferrari. Non so cosa potrebbe fare Mattia Binotto al riguardo. Non so come funzionava ai tempi di Irvine e Barrichello, ma le cose erano chiare”.